testata copia 2
picons-social4_03
picons-social4_05
Lo Speziale
Un aiuto si può avere
articolo-n-9m
Foto: dall’Italia il tricologo dott. S. Zappalà sta facendo un controllo con la microcamera nel Salon Diona. I clienti che hanno fatto la cura e sono venuti al controllo sono tutti soddisfatti. Addirittura una signora con problemi di psoriasi, che non poteva dormire dal prurito e non poteva usare vestiti neri, ha avuto miglioramenti  del 50% e più,  ed è contentissima  di aver trovato finalmente qualcosa che le abbia alleviato questa malattia, che pur non potendo guarire del tutto è molto migliorata.

Dichiarazione spontanea della parrucchira  della città di Pori (Finland )

Arja  la parrucchiera dice: non avevo mai pensato di poter dare tanto aiuto ai miei clienti, prima che il dott. Sebastiano Zappalà mi facesse riflettere che sotto i capelli abbiamo la stessa pelle, come nel viso, perché noi parrucchieri siamo abituati a trattare solamente la parte visiva.
I risultati si vedono
articolo-8m-
Foto:  La parrucchiera Arja Tastula, osserva il tricologo dott. S. Zappalà mentre sta facendo un controllo con microcamera, dopo una cura di cinque settimane.
IL RISULTATO SI OTTIENE SOLO CON IL METODO T4 E LA“CURA” GIUSTA.
Dopo le analisi effettuate a 22 persone, 18 persone sono tornate per il controllo ottenendo il 100% del risultato positivo.

Ringraziamenti e soddisfazioni
articolo-7-completo
Foto: Il Tricologo dott. S. Zappalà, analizza il cuoio capelluto di Josefina Strömin con Tuula Mäntylä mentre stanno facendo il corso per i macchinari nel Beauty & Hair Club.

Articolo: La parrucchiera di questo negozio Kaisu dichiara che con i trattamenti tricosmetici Tricoderm, ha avuto risultati molto positivi in poco tempo e in diverse anomalie tipo grasso, forfora e caduta, che prima con altri trattamenti non era riuscita a risolvere.
Inquadrare il problema
publicazione-n6m
FOTO: La microcamera ed il metodo vaculinfoterapy hanno dato molte nuove speranze per pazienti con alopecia areata. Nella foto il tricologo dott. Sebastiano Zappalà, Pirkko Papinnieni e Anja Ahlberg stanno analizzando il cuoio capelluto di Tuija. Questa ragazza che era stata per molti anni senza capelli (alopecia totalis), come si vede dalla foto dopo circa un anno di trattamenti, è perfettamente guarita.

A Helsinki nei giorni 1/2 marzo la ditta Vitalia teneva il 1° congresso di Tricologia. Al congresso erano presenti tanti specialisti dall’Europa per creare una  comunicazione fra diversi professionisti: dermatologi, psicologi, parrucchieri ecc. Il parrucchiere è l’unico professionista che vede i capelli e il cuoio capelluto tutti i giorni, e dovrebbe essere il primo ad accorgersi dei problemi se ci sono. Anja Alhberg dice: il triangolo tricologico ipotizzato dal dott. Zappalà e molto importante per collegare la nostra esperienza di parrucchieri  agli studi e all’esperienza di altri specialisti, così da ottenere il massimo risultato per i nostri clienti. Il congresso organizzato dalla ditta Vitalia con il suo ricercatore S. Zappalà, che è italiano. Infatti, in Italia, la tricologia è molto più avanti rispetto ai paesi Scandinavi.La cliente Tujia ha sofferto tanti anni di alopecia areata e con diversi prodotti e macchinari della ditta Vitalia finalmente ha risolto il suo problema.
A scuola di tricologia
articolo-n-5m
Foto: Dall’Italia il tricologo dott. Sebastiano Zappalà è venuto nella scuola professionale di parrucchieri Vasa Yrkeskåla per fare il corso di macchinari e prodotti tricologici. Gli insegnanti della scuola sono molto entusiasti del nuovo metodo e pensano in futuro di insegnarlo ai loro alunni e far presentare a tutte le terze classi, la tesi finale sulla tricologia.
Un corso a Kalajoki
articolo-n4m
Foto:Il tricologo dott.  S. Zappalà sta facendo un corso per la parrucchiera Liisa Tanska a Kalajoki - FINLANDIA
La microcamera va ad esplorare sotto i capelli
articolo-n3
Foto: il dottore dei capelli Tricologo Sebastiano Zappalà sta dimostrando con la microcamera a Savonlinna (Città Finlandese al confine con la Russia.)

Si vede subito se i tuoi capelli stanno bene o male, ma hai il coraggio di vedere quello che hai nel cuoio capelluto? 

Un viaggio con la microcamera che trovi in parecchi posti in Finlandia, che ingrandisce 300 volte i capelli ed il cuoio capelluto, può essere d’aiuto per tanti problemi. Tante persone soffrono per troppo grasso, forfora o troppa caduta. Tuula Mäntylä ed il tricologo dott.  S. Zappalà hanno fatto visita a Savonlinna, ed hanno eseguito analisi tutta la giornata scoprendo che tante persone soffrono di alopecia e tante altre di grasso e forfora che a occhio nudo non si vedevano. Tuula Mäntylä. dice: spesso i parrucchieri hanno problemi con i loro clienti perché non sanno come curare alcune anomalie e noi li aiutiamo a capire e a trovare la cura giusta. Noi non vogliamo dare troppe speranze a chi ha perso i capelli di riprenderli e nemmeno vogliamo che il parrucchiere diventi un dermatologo. Con i corsi vogliamo insegnare al parrucchiere anche a capire quando per un determinato problema deve consigliare al cliente di rivolgersi al medico. Tante volte per i dottori le problematiche del cuoio capelluto sono solo problemi estetici, mentre a volte alcune anomalie della cute, possono diventare motivo di stress e creare altri problemi più seri.SCIENZA DALL’ITALIAIl tricologo Sebastiano Zappalà lavora per la ditta Vitalia ed è responsabile di ricerca e corsi dei macchinari e prodotti tricologici.
Finalmente si possono vedere i capelli più in profondità
articolo-n1
Foto: nell’immagine si vede la sig.ra Anna che vede i suoi capelli ingranditi 300 volte ed il tricologo dott. Sebastiano Zappalà che le sta facendo l’analisi per poi darle la “cura”.

 Articolo: il tricologo dott. Sebastiano Zappalà vede con la microcamera i capelli ingranditi 300 volte e la cute fino a 2 mm in profondità. Dopo l’analisi ad Anna le è stato consigliato di usare uno shampoo molto delicato ed una crema, da usare dopo lo shampoo una volta sì ed una volta no.Questo servizio è stato offerto dal negozio di parrucchiere Parturipari, ed i clienti non sono nemmeno obbligati ad acquistare i prodotti. Se comprano i prodotti, avranno un controllo gratuito dopo cinque settimane. Questa è una grande novità in Finlandia ed è un metodo tricologico.  Il dott. Zappalà usa un microscopio che ingrandisce 300 volte, e nel monitor il capello sembra più grosso di un dito. Questo per il momento è l’unico macchinario in Finlandia capace di questo risultato ed è stato presentato come novità nella fiera di Helsinki Hiukset 95 (dice l’importatrice Tuula Mäntylä, che fa anche da traduttrice). I risultati con questo metodo sono stati ottimi, perché fino adesso sono state date le “cure” in base a ciò che era visibile ad occhio nudo, adesso invece potendo vedere più in profondità si effettuano sicuramente delle diagnosi più corrette e quindi si prescrivono  delle “cure” più giuste. UN CAPELLO PUÒ TENERE IL PESO DÌ 100 GRAMMISebastiano Zappalà sta tirando i capelli di Anna e poi conta quanti capelli sono rimasti tra le dita, sotto le cinque unità si considera normale, se non resta niente è meglio. Un capello dovrebbe tenere un peso di 100 grammi se è in uno stato normale, altrimenti sono troppo deboli e questa può essere la ragione della eccessiva perdita.
Si è messo in moto a Vaasa il tricology team
articolo-e-foto-tricology-team1
Dalla testata giornalistica del mensile finlandese PINNI del 15.05.97Il Tricology team finlandese nella prima riunione, in cui  erano presenti parrucchieri barbiere e fondatori:  Pàivi Myllymàki, Pirkko Papinniemi, Saija Rajamàki,  Kirsi Vaitovaara del salone Zaragoza da Seinäjoki, la parrucchiera Liisa Tanska da Kalajoki,  l'importatrice Tuula Mäntylä, ed il tricologo dott. Sebastiano Zappalà ed il primo logo del team dato a Pirkko Papinniemi.

La ditta Vitalia di Vaasa che importa microcamere e prodotti Tricologici ha realizzato insieme ad un gruppo di parrucchieri un Team, grazie al quale si riuniscono tanti parrucchieri insieme per discutere e confrontarsi sui diversi problemi che hanno i loro clienti per riuscire a risolverli al meglio.  Scrive la giornalista: questo nuovo metodo di tricologia arriva dall’Italia, con l’importazione nei primi del 1995 di nuovi macchinari. Con i nuovi macchinari tricologici si può vedere meglio il cuoio capelluto e capire meglio il problema, perché tutti i problemi del cuoio capelluto non sono stati presi in seria considerazione in medicina, non rappresentando un pericolo mortale. Tante volte il cliente per mancanza di alternative ha dovuto usare antibiotici e cortisoni e poi smettendo queste cure i problemi sono ritornati. Ci sono stati tanti clienti che piangendo hanno detto che non potevano pensare che poteva arrivare un giorno di questo, che in poche settimane si risolveva il problema. Pirkko Papinniemi dice che la sua vita è cambiata perché in pochissimo tempo con il dott. Zappalà ha imparato più cose che in di 40 anni di carriera,  poi aggiunge tante volte noi piccoli imprenditori abbiamo il timore di affidarci alle novità ma questo è il meglio che potevo avere. Con il tricology Team, vorremmo dare alla gente le giuste informazione per non credere alle tante fesserie che girano intorno ai capelli.
Paese che vai mercato che crei
paesechevai
In sintesi il dott. Giorgio Bartolomucci scrisse: Il dott. Sebastiano Zappalà importò, la Tricologia in Finlandia.

E dopo cinque anni organizzò il secondo forum di tricologia con la partecipazione di oltre 200 partecipanti allora iscritti in una forma di società tricologica dal nome SUOMEN TRICOLOGI TEAM, in seguito diventata S.T.Y. (associazione di tricologia Finlandese.)

Poi vi fu un’evoluzione che portò alla nascita del metodo T4 in Italia, Finlandia, Svezia ed Estonia.
                                                                      Copyright © 2008 tricoderm. Tutti i diritti riservati. Powered by Flavio Culosi Group
Create a website